Pseudofonia - Canzoncine Avvelenate-RadioSpia

RadioSpia

RadioSpia 18

Pseudofonia – Canzoncine Avvelenate [Album – 21 songs]

Label: RadioSpia
Release date: 31 Dec 2021
UPC: 198002755346
Catalog: RadioSpia 18 - RS 18
Genre: Patchanka / Folk / Rock / Reggae / Ska / Wave
Mood: Political, funny
Comments: Patchanka, Italian language and Apulian slang

Stores:18-Canzoncine Avvelenate
iTunes store / Apple Music: (
link)
Amazon UK: (
link)
Amazon.com store: (
link)
Amazon.it store: (
link)
7 digital:
(link)


Streaming:
Spotify (
link)
Qobuz (hi-res): (
link)
Deezer (
link)
YouTube (
link)

Videoclip: Pseudofonia - Prucession (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005)
ISRC Video IT-M9O-21-00002; ISRC Audio IT-WIW-21-00025 (
link)


TRACK LIST:


- 01 - Canzoncine Avvelenate [2:58]
(Antonio Bucci – Marco Maffei)
ISRC IT-WIW-21-00008
 

- Antonio Bucci: Percussioni, Ukulele, Basso, 12 corde, chitarra elettrica, armonica, metallofono, cori

- Niki Dell'Anno: Percussioni, timbales, bongos, jembè, cori

- Giuseppe Cantelmo: Basso 2, chitarre elettriche

- Mario Longo: Violoncello

- Antonio Piacentino: Tromba

- Marco Maffei: Synt., percussioni

- Francesco Bellizzi: Voce

Immagine di un uomo schiacciato dalla prepotenza e dal potere, che si lascia divorare dal proprio carnefice,
con la amara soddisfazione che il proprio sacrificio potrà avvelenare il predatore, fermandolo.


 

- 02 – Prucession [3:28]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00009
 

- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni, cori

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Tastiere, cori

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone, cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Narrazione di una classica atmosfera pre-elettorale in un paese del Sud Italia. Parallelismo fra i rituali religiosi e quelli politico-clientelari.



- 03 -
Gerardo In Letargo Aspetta Primavera [3:50]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00010
 

- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni, cori

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Tastiere, cori

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone, cori

- "Amico Inglese di Ugo": Corno francese
- Francesco Bellizzi: Voce

Brano ipnotico, dedicato a Gerardo Pugliese, grande amico del collettivo Pseudofonia.
Scritto quando egli era affetto da una malattia neuro-degenerativa (che qualche anno dopo lo portò purtroppo alla morte).
Nel brano si leggono immagini di vita vissuta insieme, come a voler esorcizzare la sua malattia.



- 04 –
Transumanza [3:44]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00011


- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni, cori

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Tastiere, cori

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone, cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Metafora e parallelismo sulla tradizionale transumanza e sul desiderio di emancipazione socio-culturale che avviene
attraverso la conoscenza e il “viaggio”.



- 05 –
Malincronico [3:08]
(Antonio Bucci)
ISRC IT-WIW-21-00012


- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni, cori

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Fisarmonica, cori

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone, cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Riflessione sulle appartenenze sociali e su una certa simbologia estetica che ha caratterizzato diversi protagonisti di battaglie cittadine: schierati coi più deboli, ma incapaci di non godere degli agi delle proprie ricche famiglie.



- 06 –
Galleggiare [3:24]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00013

- Michele De Costanzo: Batteria
- Niki Dell’Anno: Percussioni
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarre
- Antonio Bucci: Fisarmonica, percussioni, slide whistle, voci
- Francesco Bellizzi: Voce

La profonda difficoltà del vivere quotidiano di un ragazzo omosessuale, nel tessuto sociale del Sud Italia.


 

- 07 – Cheufachefaie [2:38]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00014

- Michele De Costanzo: Batteria
- Massimiliano Corvino: Percussioni
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarre
- Fabio Carella: Sax
- Antonio Bucci: Fisarmonica, Cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Brano arabeggiante, ancora sulla nostra generazione incompresa e sognatrice, che ha dovuto spesso lottare contro
i desideri e le pianificazioni dei genitori per sopravvivere ai tempi.


 

- 08 - Non Mi Lamento (Tapirulant) [2:32]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00015

- Michele De Costanzo: Batteria
- Niki Dell’Anno: Percussioni
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarre
- Fabio Mancano: Sax
- Antonio Bucci: Fisarmonica, Percussioni, Cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Manifesto generazionale su paradossi e le abitudini della nostra terra, che inevitabilmente costringono ad un moto continuo,
ma che purtroppo a volte resta vano come un “falso movimento”.


 

- 09 - Canzone Dell'Amore Odiato [4:21]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00016

- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni, cori

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Fisarmonica, percussioni, tastiere, cori

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone, cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Descrizione di un rapporto amoroso conflittuale e gestito in modo inadeguato.
Una ballata sentimentale e travolgente dal sapore amaro.


Ford_1

- 10 -
Ventidue Maggio [1:56]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00017

- Michele De Costanzo: Batteria
- Niki Dell’Anno: Percussioni
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarre
- Fabio Mancano: Sax
- Antonio Bucci: Fisarmonica

Malinconico ed ottimista


 

- 11 - Vento Del Sud [4:00]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00018

- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Fisarmonica, tastiere, percussioni

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone

Si sente e si vede il sole, il calore della controra in città.


 

- 12 - Il Mai Troppo Temuto Ritorno Dei Film di Bud Spencer [2:20]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00019

- Michele De Costanzo: Batteria
- Niki Dell’Anno: Percussioni
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarre
- Fabio Mancano: Sax, cori
- Antonio Bucci: Fisarmonica, percussioni, cori
- Francesco Bellizzi: Voce

Brano goliardico e divertente, tutto in levare, con temi e citazioni da cultura cinematografica anni ’80.


 

- 13 - 8 Pazzi [3:22]
(Antonio Bucci)
ISRC IT-WIW-21-00020

- Michele De Costanzo: Batteria

- Niki Dell’Anno: Percussioni

- Ruggiero Filacaro: Basso

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Fisarmonica, percussioni

- Fabio Mancano: Sax tenore
- Roberto Solimando: Trombone

Autobiografico, descrive l’atmosfera della band nel suo contesto: una sorta di circo del Sud.

 

- 14 - L’Inutile Tentativo Di Sovvertire L’Ordine Naturale Delle Cose
(Mogli e Buoi Dei Paesi Tuoi)
[2:21]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00021

- Michele De Costanzo: Batteria
- Niki Dell’Anno: Percussioni
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarre
- Fabio Mancano: Sax
- Antonio Bucci: Fisarmonica, percussioni

Brano strumentale dai ritmi afro. Una sorta di genesi dell’universo espressa in musica.



- 15 -
Obnubilamento e Risveglio [1:02]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00022

- Michele De Costanzo: Batteria

- Michele Rendine: Chitarre

- Antonio Bucci: Fisarmonica

- Fabio Mancano: Sax, ocarina
- Roberto Solimando: Trombone
- Francesco Bellizzi: Stick bass

Il difficile risveglio dopo una notte in viaggio.


Pseudo2_


- 16 - Gigione Nega Tutto (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005) [2:21]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00023


- 17 -
Uomo In Scatola (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005) [3:42]
(Antonio Bucci) (ISRC IT-WIW-21-00024)

In un contesto musicale filo-arabo, il brano narra la vita di un uomo che si rinchiude in se stesso per eventi avversi e sopravvive,
da barbone, all’interno di una scatola di cartone lungo i binari della ferrovia.


- 18 -
Prucession (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005) [3:27]
(Antonio Bucci) ISRC IT-WIW-21-00025


- 19 -
Gerardo in Letargo Aspetta Primavera (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005) [4:17]
(Antonio Bucci) (ISRC IT-WIW-21-00026)


- 20 -
Cheufachefaie (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005) [2:35]
(Antonio Bucci) (ISRC IT-WIW-21-00027)

- Mario Canfora: Batteria
- Niki Dell’Anno: Percussioni, cori
- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarra elettrica
- Fabio Mancano: Sax, cori
- Roberto Solimando: Trombone, cori
- Francesco Bellizzi: Chitarra acustica, voce


- 21 - Sempre Poveri (live@SpazioGiovani 02_Sept_2005) [2:00]
(Matteo Salvatore) ISRC IT-WIW-21-00028

- Ruggiero Filacaro: Basso
- Michele Rendine: Chitarra elettrica
- Fabio Mancano: Sax
- Roberto Solimando: Trombone
- Francesco Bellizzi: Chitarra acustica, voce

Struggente ed emozionante cover dal vivo di una delle più belle poesie in musica scritte da Matteo Salvatore.


Gigione_1


Credits:

- Arrangements: Pseudofonia

- Cover: Pierluigi Bruno - “Città Futura” (Acrylc on canvas, 2005 - brunopierluigi.it)

- Track 1: Recorded by Antonio Bucci and Marco Maffei. Edited and mixed by Marco Maffei at Mastering.it audio labs (2014 / 2020)

- Tracks 2, 3, 4, 5, 9, 11, 13, 15: Recorded by Raffaele Fortunati, edited and mixed by Marco Maffei in 2003, at VBG Audio Labs / Foggia.

- Tracks 6, 7, 8, 10, 12, 14: Recorded, edited, mixed by Marco Maffei in 2001 at VBG Audio Labs.

- Tracks 16, 17, 18, 19, 20, 21: Live mixed and recorded by Marco Maffei at Anfiteatro Mediterraneo in Foggia, on 2nd September, 2005.

- All tracks restored and mastered at Mastering.it audio labs, between October 2019 and October 2021 (www.mastering.it)


Pseudo_Band_99

------
lyrics

Canzoncine Avvelenate

(Music and lyrics: Antonio Bucci - Marco Maffei)


Guardo tutto dal mio armadio

Nudo e sveglio qui alle tre

Certo annego in queste onde

Ma realizzo intanto che

Se non voglio essere parte del tuo pasto

Indigesto dovrò esserti
(Indigesto, indigesto)

Sono un bonzo nel suo tempio

Un alieno nel mio tempo

Ho il dovere di cambiare

Voglio leggere e capire

Ma nel mentre tu mi cuoci a fuoco lento

Indigesto vorrei esserti

Resto chiuso nel tuo frigo

Sto di fianco a una frittata

Viro in verde assai contento

Perché è già carne avariata

Tronfio aspetto la mia ora

Son cibaria avvelenata oggi

Indigesto potrò esserti

Canzoncine avvelenate

Per difendersi dal male

Canzoncine avvelenate

Per difendermi da te

Canzoncine avvelenate

Per difendersi dal male

Canzoncine avvelenate

Per difendersi.


--/--


Prucession

(Music and lyrics: Antonio Bucci)

Si sa che la memoria non è prerogativa principale di questo periodo invero

Assai particolare di villici proclami e di perle rare

Ma mi preme ricordare che da sempre l'assegnazione

Di una preferenza elettorale abbia qui l'effetto di

Un parto eccezionale, un giorno da sudare

Sei come un pesce in mezzo al mare

“Soul Fire!!!”

Prucession, Prucession stann annanze quill bun

Prucession, Prucession ner i femmen e i mbrugliun

Prucession, Prucession ma qua ninde è nisciune se vole cagna'

Ma quante belle figurine che ho riposto una sull'altra nel cassetto

È pieno zeppo l'album di briganti che tormenta tutti i miei

Tutti i miei, i miei ricordi

Perché è triste ripensare alla mesta successione

Di promesse sciolte al sole perse in questo Meridione

Che è un onda del mare e vento e false bare, è un melodramma di facce amare

“Soul Fire!!!”

Prucession, Prucession nata vote i vutaziun,

Prucession, Prucession vann arret I pecurun

Prucession, Prucession fann a lite a purta croc’

Prucession a Prucession ma na grazie e chi c’a face

Prucessio' quande send che pure ie agghia cagna'

Prucessio' quand'è send che prime ie agghia cagna'

Pruccessio' quando sente che pure ie agghia cagna'

L'ate fujen, l'ate fuien e tu fuje o no?

Prucession che se ved quanne s'arritir

Prucession che si ved quanne fuije o no?

Prucession che se ved quanne s'arritir

Prucession che si ved quanne fuije o no?

Prucession che se ved quanne s'arritir.
 

Old_Pseudo_logo

--/--

Transumanza
(Music and lyrics: Antonio Bucci)

Quille te tene pii mane ma nun eje l’ate
Nun cagne u colore ma nun eje l’ate
No nun eje l’ate
Quist nun ten fucil né ragge e ne vole chiù
E vene sol pe scurdars
Quill che sape fa o se cred
Chi cert megghhie de te nun eije
Pure pchè parle d Cultur ma nun ten
Quase quase i parol
Tu che te ne faje?
Pure pchè parle d Cultur ma nun sape
Quase quase che face
Tu che te ne faje?
Sopa a na cullina ascennen
Ch’i facc d’i guagliun
Senza cattiveria lore u’ fann pè lavor,
Ma verament s’accide pè lavor?
Quist è u penzir d chi spare ma ij
I cruciat nne vogghie chiù e se proprie agghia viaggià
Mbè, scegliess n’ata transumanza
Caruv’n e pagliacc, cirche e furgun
Pe canosce d’ chiù
Pur a l’ate d’ chiù
Vogghie sempe de chiù
Pure pchè parle d Cultur ma se a stent
Po’ canusce a tuje
Tu che te ne faje?
Pure pchè u bell d’i Cultur è che nun c’è
Una a un ch’è uguale
Tu che te ne faje?


--/--

Malincronico
(Music and lyrics: Antonio Bucci)

Io sono la promessa non mantenuta
O la mantenuta che non fa promesse
Spaventapasseri dei porci e succulento paravento
Per gli idioti
Già vittima del più lagnoso dei destini
Quello che si abbatte come un ascia
Cammino con quell'ascia sulla testa
Come a portare un uniforme di rappresentanza

"Oh che bel cappello che lei porta sulla testa"
Le piace?
"Le da un certo tono!"

Parlando di chi è servo e di chi è padrone
Io ti nascondo la mia vera appartenenza
Nel disquisire ostento fame da proletario
E desiderio cieco di rivalsa
Testimoniato dalla mia frequentazione
Del centro socialone proprio sotto casa mia
Non farne una questione di morale
Io sono nato col cappello
Che porto sulla testa

"Oh che bel cappello che lei porta sulla testa"
Le piace?
"Le da un certo tono!"
Oh che bel cappello che lei porta sulla testa
Oh che bel cappello che lei porta sulla testa

 

Anfiteatro_2005

--/--


Galleggiare
(Music and lyrics: Antonio Bucci)

L'amore, l'odio il bianco e il nero
L'italiano, lo straniero
Il Giuda, il porco, lo schiavo e il negriero
L'uomo gay con l'uomo vero
Ma in mare è sempre più difficile controcorrente nuotare
Lasciarsi indietro pescecani, vortici e parole di sale
Che bruciano la pelle solo perché sono acqua di mare
E togliere quel tappo, valvola di sfogo, le fa scivolare giù
Il padre il figlio
Il prode e il coniglio
La vergogna con l'orgoglio
La farsa, il dramma
La bugia, la verità
Il camuffarsi dell'identità
Ma In mare è sempre più difficile controcorrente nuotare
Lasciarsi indietro pescecani, vortici e parole di sale
Che bruciano la pelle solo perché sono acqua di mare
E togliere quel tappo, valvola di sfogo, le fa scivolare giù
Pane al pane
Vino al vino
L'intelligente ed il cretino
Silenzio, urla, raccogli, semina
L'uomo intero e la mezza femmina
In mare è sempre più difficile controcorrente nuotare
Lasciarsi indietro pescecani, vortici e parole di sale
Che bruciano la pelle solo perché sono acqua di mare
E togliere quel tappo, valvola di sfogo, le fa scivolare giù


Furgone_2_b

--/--

Canzone Dell'Amore Odiato
(Music and lyrics: Antonio Bucci)


L'immagine che ho di te
Ne son certo sarà uguale
Anche fra cent'anni
E non chiedermi perché
Ma nei tuoi occhi leggo
Un non so che di trottolino

E sarà pure pecché
Ce n'hann assaje di donne
Donne oggetto
Trapianto, rigetto
Pure pecché quel che
Cerco certo non è il sesso
È voglia di stare con

L'immagine che ho di te
Si è sbiadita come
Una fotografia nell'acqua
È un inverno al gelo che
Mi fa sentire in Transilvana
Proprio dentro un film di Ed Wood

E pure pecché
non mi sta bene senza fare sesso
Poi vivo lo stesso
Pure pecché
Nei sogni spesso tutto è
Già successo
Vorrei uscire
Fammi uscire da qui

Nel mausoleo che ho di te
Conservo viva la tua icona
Come una Madonna
E accendo un cero affinché
Tu possa stare bene
Anche distante si

Pure pecché
Mentre incontravo gli occhi tuoi
In un senso
Tu intanto sognavi Lorenzo
Pure pecché
Mi hai detto quella volta
E ci ripenso
Non potrei mai
Fare a meno di te

Ora che non ci sei più
Io mi accorgo del perché
Il mio ridere gioioso era sparito insieme a te
E ritorna in mente quella insofferenza
Quella faccia assai insolente
Che rideva al mio parlare
(Ora che non ci sei più)
Ma oggi è facile fischiare
Oggi è facile fischiare
Non so fischiare, non so fischiare
...


Pseudofonia(2003)

--/--
 

Gigione Nega Tutto


Non volle

Credere al destino

E fu trovato morto

Sull'erba del vicino

Che da sempre è la più verde

Che ci possa stare

Pure della bile

Conservata nelle giare

Che ce mettev a mamme de Ruggier

Intande che

D'avvelenars

Nun vulev proprie chiù sapé

Di storie di mafiosi

Di notti col pensiero

Di viaggi a senza prezzo

E lui che non telefona

Noi spesso

Poi gli chiedevamo

Cosa avesse fatto

Di male a quella mano

Segnata si dal tempo

Ma non solo quello

Grande tarlo questo

Che viaggiava nel cervello

Agghie caduté sop'o motorin tu ché vùjè sape

Une in da sta vite non pôte manghe chiù cadè?

Cadeva di frequente e

Poco si rialzava

Quanto capisse

Noi non lo sapevamo

Non volle

Credere al destino

E fu trovato morto

Sull'erba del vicino

Che da sempre è la più verde

Che ci possa stare

L′ome ché nun vole chiù capì s′abbalish

L'ome ché nun vole chiù guarì s′abbalish

L'ome ché nun vole chiù sentì s′abbalish

L'ome ché nun rir chiù l′hashish l'abbalish


--/--

Uomo in Scatola
(Music and lyrics: Antonio Bucci)

Mando giù il boccone amaro
Quasi come bere delle piante da tè
Ne riconosco il piacere,
Oggi osteggio sicurezza
Avvelenandomi senza sterili “se”
A tracciare nuove eventuali traiettorie
Alla mia vita di perdente
Alla mia vita di perdente

Abbraccio alla sconfitta
Come nuova soluzione
All’inerzia dei “beh”
Potevo essere qualcuno di importante
Se solo avessi avuto più fortuna o conoscenze
In quel meschino giorno
Forse era un sera
In quel meschino giorno
Forse era di sera

Non mi riconosco in ciò che voi rappresentate
E certo non riesco a ricordare ciò che voi mi ricordate
Promemoria dell’assurda presunzione
Di gestire un’esistenza che è alloggiata nell’astratto
Surreale tentativo poi di riportarmi sulla Terra
Di riportarmi sulla Terra

Abito in una casa di cartone o forse marzapane
Nastro isolante che mi esclude
E mi protegge dai binari della ferrovia
Uomo in scatola, mi conserva, preserva,
Scevro d’ambizione io rifiuto il purgatorio
Per una sana e consapevole vita
Tra le mura del mio inferno
Dolce vita fra le mura del mio Inferno
Dolce vita fra le mura del mio Inferno!


Read press 
here

Read reviews here

To Store